Ricerca

III. ATTIVITA' DI RICERCA

L'attivita' di ricerca inizia nel 1979 a seguito di proposta di collaborazione con il Prof. G.G. Calapaj, titolare della Cattedra di Statistica Medica e Biometria della Facolta' di Medicina e Chirurgia dell'Universita' di Padova.

Segue la collaborazione a gruppi locali e nazionali di ricerca su alcuni temi di particolare interesse nelle aree sanitarie .

L'attività è stata prevalentemente finalizzata all'applicazione critica e valutazione di metodi e tecniche statistiche in aree di interesse sanitario ed epidemiologi­co. In tale ambito ha attivato collaborazioni con il Ministero degli Affari Sociali e della Famiglia e con l'OMS in iniziative di ricerca su temi relativi alla salute della famiglia e ricorso ai servizi di disabili gravi. Il personale contributo è rivolto allo studio di indicatori di sintesi della salute delle comunità familiari e di rischio di insorgenza familiare oltre che a tecniche campionarie di rilevazione eventi rari e complessi.

Viene distinta nelle seguenti sezioni:

ii) appartenenza a società scientifiche nazionali ed internazionali;

ii) lavori di ricerca prodotti e pubblicati.

Appartenenza a società scientifiche nazionali ed internazionali.

- Societa' Italiana di Statistica (SIS)

- Società Italiana di Statistica Medica (SISMEC)

- International Association of Survey Statisticians (IASS)

- AICQ-Associazione Meridionale per la Qualità (Federata all’Associazione Italiana pe la Qualità)

- IASE; International Association for Statistical Education.

 

Lavori di ricerca prodotti e pubblicati.

Le pubblicazioni prodotte sono 115, di cui almeno 20 su riviste internazionali ed altrettanti comunicazioni a convegni internazionali. Fra tutte : 20 sono state prodotte dal solo ricercatore, 28 assieme ad un solo coauto­re e 20 con altri due. Fra gli altri in tre lavori gli autori sono almeno cinque.

Con riferimento alla lista dei lavori pubblicati questi possono essere classificati sulla base di uno dei seguenti grandi raggruppamenti di aree di ricerca (sebbene alcuni lavori affrontano più tematiche).

a)Domanda sanitaria e della morbosità espresse a livello di medicina di base, analisi e valutazione degli atteggiamenti del medico di base nei confronti di patologie cardiache;

b)Analisi epidemiologiche - sanitarie, ricorso ai servizi sanitari rilevate presso la popolazione, sia da indagini nazio­nali che su popolazioni e condizioni a rischio parti­colari;

c)Analisi cliniche su dati di laboratorio e da sperimentazioni;

d)Problemi di metodologia statistica ed epidemiologica (curve di sopravvivenza, indicatori del rischio, potenzialità informative delle diverse strategie di indagine epidemiologica; indicatori multipli di valutazione della gravità; fattori di confondimento in studi multicentrici );

e)Errori non campionari - selezione ospedaliera - nella misura del rischio relativo;

f)Statistica e processi decisionali nella pubblica amministrazione con particolare attenzione al settore sanitario;

g)Indicatori, variabili ed analisi delle condizioni di salute intrafamiliare;

h)Abitudini conoscenze ed opinioni nell'alimentazione di comunità rurali e di popolazioni selezionate;

i)Metodologia didattica per l’insegnamento della Statistica nell’università , problemi nella formazione universitaria e di base e valutazione;

l)Qualità dell’assistenza ospedaliera e dei servizi socio- sanitari, valutazione degli interventi: ;

m)Produzione di soft statistico per PC di programmi di analisi AID3;

n)Metodi ed applicazioni della logica fuzzy set per la misurazione del disagio familiare ;

o) Analisi statistica, condotta anche con tecniche di graduatorie non parametriche delle competenze dei dirigenti degli enti locali.

Italiano